giovedì 18 novembre 2010

CESTINI AL DOPPIO CIOCCOLATO (DEBORAH)

Mamma mia come sono stanca! E pulisci di lì, e stira di là, e vai a trovare il nonno ( poverino ....) e.. metti a tavola una decina di persone... lo sapevo che qualcosa mi scordavo, il dolce!
Ora dico MA COME SI FA??? E' da ieri che ho tutto un programma: scongelo la pasta frolla e mi ci studio un bel ripieno per un nuovo stampo da inaugurare, ed invece alle 16:00 di oggi pomeriggio la pasta frolla era ancora nel congelatore, panico? Macchè, mi son messa nei panni della Simo, ora lo so che alcune di voi penseranno che, come al solito, che questa sia la famiglia dei ricicli ma... è proprio così! Avevo nel congelatore, oltre alla frolla (meno male:)))) un bel pò di ganache al cioccolato fondente avanzata dalla favolosa Truffle cake di Delia Smith copiata da Ale e un pò di crema al cioccolato bianco invenzione della Simo per il suo tesoruccio (via, giù, di chi sto parlando?) che non ama il Delirio al cioccolato perchè è troppo nero e forte (Mariiiia)... e lei lo ha accontentato inventandosi la versione White. Io ho fatto copia-incolla ed ho ottenuto questi:






















Ingredienti:
Pasta frolla gr 400
Per il ripieno tartufato (avanzo della Truffle Cake di Delia Smith di... Raravis):
225 g di cioccolato fondente da copertura
250 ml di panna liquida
1 tuorlo
40 g di zucchero semolato
Per il ripieno al cioccolato bianco (invenzione di Simonetta):
70 gr cioccolato bianco
200 ml panna liquida
60 gr zucchero semolato (ma se ne mettete 40/50 gr male non fa)
1 uovo


Procedimento:
Portare il forno a 180° statico, e preparate i due ripieni, quello bianco andrà messo in cottura l'altro a freddo con il sac-à-poche.
Ripieno bianco:
Fate bollire dolcemente la panna con lo zucchero e versatela sopra il cioccolato spezzettato, mescolate fono ad ottenere una cremina vellutata, sbattele l'uovo ed aggiungetelo al composto di cioccolato SOLO quando sarà freddo. Imburrate ed infarinate 8 stampini da tartelletta o un semplice stampo da crostata, foderatelo con la frolla stesa, versate la crema al cioccolato bianco e infornate a 180° per 35-40 minuti, attenzione perchè il cioccolato bianco brunisce velocemente, al bisogno coprite con un foglietto di stagnola.
Preparate il ripieno tartufato:
Fondete a bagnomaria dolce la panna con il cioccolato, e sbattete le uova con lo zucchero sopra una bacinella resistente al calore appoggiata su una pentola in ebollizione, sbattete fino ad ottenere un composto denso e biancastro.
Unite i due composti non appena freddi, mescolate bene e ponete in frigo per 30'.
Sfornate e sformate le tartellette, fatele raffreddare bene, riprendete il composto tartufato dal frigo, e con l'aiuto di un sac-à-poche, fate degli spuntoncini di ganache sopra le tartellette ricoperte di cioccolato bianco. Spolverate di zucchero a velo, munitevi di una buona forchetta e ...gustate!
Questi cestini sono una gioia per il palato, e lo volete sapere che il Tesoruccio, al quale ne avevo preparato uno solo bianco, ha poi voluto uno spuntoncino di ganache tartufata  come Dio comanda???

A domani Bloggatrici, adesso tisana e lettucio!
Baciotti otti otti

Deborah

7 commenti:

  1. Accidenti Deborah, tu diventi ogni giorno piu' brava, questo cestino è una delizia, me lo tengo per le feste di Natale!! ti chiedero' delucidazioni piu' avanti.
    Avanti cosi' Ragazze!!!
    diana

    RispondiElimina
  2. Oh...Sant'Alò...che prima morì e poi s'ammalò....... ma siete inarrestabili..voi due!!! Il nome del blog doveva essere "attentiaquelledue" che vi stendono tutti!!!


    Deb..sei un genio...comunque..... io a parte a non avere la froilla in frezzer..oltre ad una crostata con nla marmellata non sarei andata!!!Baci e buona giornata

    RispondiElimina
  3. Sì, cioè... la suocera si inventa la versione white della Truffle Cake di Delia Smith, la nuora "copia-incolla" (dice lei; CREA, dico io) e sforna queste delizie. Il Tesoruccio, preso tra due fuochi culinari di cotanto spessore, mangia la versione creata apposta per lui e pure quella originale, che non si sa mai, magari si è perso qualcosa...

    In pratica Deborah e Simonetta hanno portato a un nuovo e più elevato livello il detto "tra i due litiganti, il terzo gode". Loro non litigano, si uniscono e creano. E quindi TRA DUE CUOCHE CREATIVE, IL TESORUCCIO GODE! (E quello che fa venire i nervi è che non ha neppure la decenza di ingrassare!!!) :-D

    RispondiElimina
  4. Ma quanto producete??? :-D
    Non riesco a starvi dietro! Che goloso questo tortino.
    Fabio

    RispondiElimina
  5. Eli non è vero che più di una crostata alla marmellata non avresti fatto e poi pensa a ma che di notte mi sogno la tua pasta di gragnano ripiena!!! Ieri sera era in programma ma mi hanno detto di stare leggera:(


    Mary sei troppo simpatica!!! Ora al tesoruccio glielo dico che tra le due litiganti il terzo gode eccome se gode, ma non è mai contento: e m'hai messi troppa crema , e me ne hai messa troppa, e che due....
    Baciotti ora cirro in palestra a limitare i danni:)
    Deborah

    RispondiElimina
  6. Dianaaaaaa Fabioooo che piacere leggervi!!! Ora devo preparare le cartucce eh!!! Si va a caccia:)))
    Non vedo l'ora di rivedervi:)))
    Debby

    RispondiElimina
  7. vi posso garantire che sono buonissime

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: