giovedì 11 novembre 2010

TARTUFOTTI... CHE BONTA'

-"Ambrogio"
-" Mi dica Signora"
-" Sento un certo languorino".....


Questo non è il dialogo tra il Maggiordomo e la Signora in Giallo di una famosa pubblicità, bensì quello tra il mio cervelo ed il mio stomaco oggi pomeriggio, avevo proprio voglia d'impiastrarmi le mani di cioccolata, e allora... cioccolata è stata!!!
 
Tartufotti alle nocciole:
 
Ingredienti per 15 tartufotti:

150 gr di ottimo cioccolato fondente
40 gr di burro di cacao
2/3 cucchiai di nocciole tostate e ridotte in granella
2 cucchiai di ottima crema alle nocciole
cacao amaro q.b

Procedimento:
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato e il burro di cacao, non appena sarà tutto ben amalgamato togliere dal fuoco ed incorporare prima la granella e poi la crema alle nocciole, mescolare bene e riporre in frigo per 15 minuti non di più, non fate come me che mi son dimenticata il tutto per mezz'ora!!!




A questo punto togliere dal frigo il composto e, con le mani ben sporcate di cacao amaro, formare delle palline poco più piccole di una noce, passarle bene nel cacao amaro, aprire la bocca e... mangiarle tutte!

Attenzione, è un medicinale che può creare dipendenza anche cronica, non esistono cure al momento :)))))

Notte Golosoni!!!
Deborah

4 commenti:

  1. Belli Deborah! E chissà che buoni.
    Anche io oggi mi sono dato ai cioccolatini.
    Bisogno di cioccolata?
    fabio

    RispondiElimina
  2. .....e dopo il pusheraggio di Alex....a Siena...ci credo che il cioccolato che hai usato è di ottima qualità!!!

    Sono divini questi tartufi...e la foto è splendida!!!!!!!Baci

    RispondiElimina
  3. Già... Alex ha procurato il cioccolato, Licia le nocciole del Piemonte e Deborah ha unito i due ingredienti in un ensemble golosissimo!!! :-p

    RispondiElimina
  4. Ma lo sapete che Alex al Raduno con me ha combinato un vero danno? Il cioccolato che dovevo usare per le mie creazioni Natalizie lo sto usando per delle prove!!!! E finisce nelle bocche altruui mannaggia!

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: