giovedì 16 dicembre 2010

CAVOLI A MERENDA.....???? NO A CENA (SIMONETTA )

Quando arriva questo freddo a me viene voglia di mangiare delle belle zuppe o verdure ripiene, e così stamani ho fatto. E' una ricetta della mia famiglia rivisitata da me, cavoli ripieni al forno. Quando la faccio è per tutti quelli della mia famiglia, io telefono e loro passano a prendere la loro porzione. E' una ricetta che porta via un pochino di tempo. La non ricetta è questa:

Prendete un bel cavolo, come quello nella foto, lavate le foglie e poi scottatele in acqua bollente salata poche alla volta, scolatele e poi dividetele in due togliendo la nervatura centrale, fate un ripieno con, parmigiano, uova, sale, pepe, aglio e prezzemolo tritati, una fetta di mortadella e della carne macinata, impastate e se è troppo morbido aggiungete del pane grattugiato.
Con le foglie scottate (e messe ad asciugare su di un canovaccio)  ed un po di impasto formate dei fagottini come questi:
Infarinate i fagottini e poi friggeteli in abbondante olio di arachide, questa operazione evita che si aprano durante la cottura in forno che da hai fagottini la croccantezza.

Scolateli su carta assorbente e poi metteteli in una teglia con un filo di olio uno spicchio d'aglio, fate un brodo vegetale e bagnateci i fagottini, aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco, sopra ogni fagottino aggiungete un pochino di passata di pomodoro ed infornate a 180° per 30'.
Si deve formare una crosticina in superfice in questa maniera.
Sono di una bontà unica e con questo freddo ci stanno bene.
Le quantità degli ingredienti per il ripieno non le ho messe, va a discrezione di quanti ne volete fare, ma fatene tanti perche andranno a ruba.
Ciao Simonetta.

P.S.: Mia nonna li riempiva con gli avanzi del lesso (bollito) e pane secco, tantissimo prezzemolo (che trovava nel campo) tutto questo nel dopo guerra, ma poi la ricetta si è arricchita di carne macinata e formaggio.

3 commenti:

  1. Al capo il cavolo piace, il pieno un te ne dico nulla ,c è pure il pomodoro, bellissima idea simonè come sempre, li faccio senz altro.

    RispondiElimina
  2. Ciao! Eh la verza nella nostra cucina non manca mai! PArticolari e ricercati questi fagottini! Una ricetta della nonna arricchita in modo gustoso.
    baci baci

    RispondiElimina
  3. GRAZIE e provateli non ve ne pentirete

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: