martedì 4 gennaio 2011

C'ERA UNA VOLTA TRE SORELLE .....E UNA ZUPPA DI CIPOLLE (SIMONETTA)

Avete visto come è simpatica e carina la bambola per la cucina??? Me l'ha regalata mia cugina Laila per Natale. Così mi sono ricordata di loro tre: mia mamma che è l'ultima e le sue sorelle. Le due sono morte, si chiamavano Lia e Delizia, una vendeva le stoffe, l'altra faceva la sarta. Lia, rimasta vedova di guerra con un figliolo piccolo, aprì un negozio nel paese ricostruito dopo la guerra e vendeva di tutto, ma il corredo ed i tessuti erano i suoi cavalli di battaglia. Faceva delle vetrine con quei rotoli di stoffa che sembravano abiti, io per le feste anche se andavo a scuola, andavo ad aiutarla mi sembrava di essere nel negozio delle fate. Faceva una vetrina poi mi diceva di andare fuori a guardarla e mi chiedeva "ride"? Io non capivo, ma quando sono stata grande ho capito cosa volesse dire, voleva dire: se guardi la vetrina ti ridono gli occhi??? allora attira l'attenzione e vengono i clienti. Così anche da sua sorella Delizia io andavo ad imparare a cucire come dopo scuola. Infilzavo l'ago alle lavoranti, eravamo tutte ragazze, quante risate e quanti vestiti, tutte le domeniche ne mettevo uno nuovo, anche il mio vestito da sposa l'ha fatto lei. Quando me li provava diceva "ride" ed io sapevo cosa volesse dire....Cosi è la bambolina che ha fatto lei, mia cugina, figlia della Delizia, la sarta. Guardate come è carina! Di professione fa l'insegnante alle superiori, ma ha questo come hobby e quando me l'ha portata ci siamo fatte insieme questa domanda "ride" :-) siiiiiiiiiiiiii
E per finire una zuppa che scalda il cuore. La mia preferita. prendete 4 cipolle bionde, tritatele e fatele appassire con del buon olio quando sono trasparenti aggiungete del brodo vegetale fino a coprirle aggiungere una foglia di alloro e fatele cuocere bene. Al momento di andare in tavola tostate delle fette di pane poi mettetele in una fondina che vada in forno. Pane, cipolle e fettine di groviera, fate gratinare e mangiatela filante...Buon appetito
A proposito, quando vado in giro per vetrine con la mia mamma, se ci piace ci guardiamo negli occhi ed esclamiamo insieme RIDEEEEEEEEEE

10 commenti:

  1. ma che bello rileggerti, simonetta! con un post così bello, poi... che sarà che con le feste son più di lacrima facile, ma a me 'sti ricordi fanno commuovere... altro che "ride!!!"
    p.s.anche qui, stasera, zuppa di cipolle... che sia per quella, la lacrima facile???
    pp.ss. come stai?
    ale

    RispondiElimina
  2. Come dice Alessandra sarà la zuppa di cipolle ma stasera le lacrime vengono copiose anche a me. Simonetta il tuo blog .....rideee siiiiiiiiiiii! Brava! Brava! Brava!

    RispondiElimina
  3. Ale è vero sara per le cipolle ,ma stasera è lacrima..però è bello
    per la salute va un po meglio ,ma ho sempre un giorno da stare in casa ,poi si vedra ciao mi mancate

    anonimo grazie

    RispondiElimina
  4. Ciao Simonetta! Buonissima la tua zuppa di cipolle!!!!! bacio cara e buon anno!

    RispondiElimina
  5. Simonetta.....ride ride.... tri abbraccio forte e vi faccio tantissimi auguri per un anno bello, speciale e che "ride"...bacioni, Flavia

    RispondiElimina
  6. Buonissima la zuppa di cipolle, mi riprometto di farla domani pari pari alla vostra!!!!
    Auguri per anno ricco di piacevoli sorprese e soddisfazioni!!!!

    RispondiElimina
  7. Adoro la zuppa di cipolle e certo che ride!!!
    Dolcissimo il tuo ricordo e bellissimo il nome della zia Delizia!

    RispondiElimina
  8. grazie ,a Laura e fantasie ,bello il nome vero??

    RispondiElimina
  9. .... bella questa immagine di persone amate che non ci sono più ma che rivivono con noi facendoci sentire bene ! è vero, scende una lacrima ma mette un sorriso sulle nostre labbra :)
    Buona giornata !

    PS: bellissima la bambolina, che bei capelli !!!

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: