domenica 6 febbraio 2011

E' CAMBIATO TUTTO!!!!!!!!!!!! (SIMONETTA)

Questo post nasce da un articolo letto sul giornale IL TIRRENO ,martedi 1 febbraio. Parla degli chef toscani presenti ad IDENTITA' GOLOSE a Milano .lo che Fabrizio del ristorante BUTTERFLAY presenta (le testuali parole)Un fagottino di farina di neccio dop ,farcito di ricotta fresca,profumata ai pinoli di San Rossore,burro di montagna,scorza di arancia e aghi di rosmarino.E cosi' ho pensato di invitare la mia mamma e gli ho detto ti faccio un dolce che ho letto sul giornale,come è venuta ci siamo messe a mangiare al momento del dolce gli ho presentato questo piatto,lei contentissima ,buoniiiiiiiiii ha detto ,ma io ci sono cresciuta a ciacci (qui da noi si chiamano cosi ) invece verso Lucca necci.La mia mamma me li faceva per colazione e la mia gioventu l'ho passata cosi Vedete come cambia ed a volte ritornano, sul tagliere se vedete accanto ai pinoli quei testi di ferro sono loro ,che la mia nonna usava per fare i ciacci. Io non li ho fatti con quei testi ma con una padellina antiaderente per le crepes . I testi non si possono usare hanno preso un bel po' di ruggine ,e bisognerebbe portarli dal fabbro per levigarli. La ricette dei ciacci non ve la do' è una pastella fatta con acqua ,farina di castagne ,un pizzico di sale ,ed io metto anche un pizzico di bicarbonato,vengono meglio e si digeriscono bene
Intanto che si fanno si mettono dentro un panno pulito per non farli freddare,e poi si farciscono con ricotta,e sopra ho messo lo zucchero a velo e quello che diceva la ricetta.



PS La mia mamma li mangiava da soli ,con niente, quando c'era la ricotta era una grande festa.




5 commenti:

  1. E brava Simonetta, sono proprio loro i ciacciiii o necci con la riotta, detto in camaiorese, buoni, complimenti

    RispondiElimina
  2. che buoni simonetta!!!mi fai venire la voglia!!mia nonna me li faceva spesso poi mi piacciono anche i manifregoli!!!con quel latte che portava tua nonna.Bei tempi!!!!

    RispondiElimina
  3. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  4. Che piatto semplice e della tradizione ma allo stesso tempo goloso!

    RispondiElimina
  5. da simonetta a simonetta: nella mia famiglia si è sempre fatto il castagnaccio, ma questa tua ricettina mi piace un sacco..e poi ho proprio tutti gli ingredienti...ci provo!

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: