venerdì 11 marzo 2011

IL MILLEFOGLIE PER IL CUGINONE (DEBORAH)

Domenica scorsa abbiamo festeggiato il ventesimo compleanno del mio cucino più piccolo, Andrea, che per tutti è il piccolo di casa, il bimbo, ma che di fatto bimbo non è più e questo un po' mi dispiace. Mi sembra ieri quando gli cambiavo il pannolino e lo portavo in giro col passeggino, poi sono iniziate le prime lezioni di inglese, di francese, di voglia di studiare... finché la scorsa estate è arrivata la Maturità come Geometra: durante la prova orale lo osservavo impegnato nel tenere il filo logico di quello che stava esponendo ai docenti, e lo rivedevo piccolino seduto al tavolo che mi pronunciava le prime parole in una lingua diversa dall'italiano... mi son sentita un po' vecchia ma allo stesso tempo veramente orgogliosa! Ha da subito iniziato il praticantato come Geometra nell'attesa di poter fare l'esame di stato, sta prendendo il brevetto per fare il bagnino ( la nostra è una famiglia "marinara" anche mio fratello è Bagnino a Forte dei Marmi!) così durante l'estate oltre a studiare potrà anche lavorare. Non fuma, non beve, esce solo una sera per settimana.... che dire non è un alieno, ma visto il comportamento sconsiderato dei suoi coetanei italiani posso solo essere fiera di lui!
Quindi per un cugino così eccezionale serviva un dolce di compleanno superlativo, anzi il dolce di compleanno più buono che ci sia: Il Millefoglie!
E' già da un po' di tempo che mi cimento in questa preparazione e sinceramente la credevo più difficile di quanto invece lo sia effetivamente, trovo la difficoltà forse nelle rifiniture, nelle decorazioni col cioccolato fuso, ma la preparazione in sè stessa non mi ha spaventato, quindi se ce l'ho fatta io significa che ce la possono fare tutti!

Ingredienti per un Millefoglie per 12-15 persone

Tre rettangoli sottilissimi di pasta sfoglia di 40 x 30 cm ( fateli precisi altrimenti durante il montaggio si creano degli antiestetici spazi vuoti tra uno strato e l'altro)

Per la crema pasticcera di Paoletta:
600ml di latte intero feschissimo
400ml di panna
1 baccello di vaniglia
4 uova
80 gr di farina
300 gr di zucchero
1 pizzico di sale

Per la mousse alla crema di nocciole  ( mia ):
400 ml di panna
250 gr di mascarpone
250 gr di crema alle nocciole

Preparate per prima cosa con qualche giorno di anticipo la pasta sfoglia (o compratela, ma è un impasto base  talmente facile da fare e molto più buono da mangiare che non conviene comprarlo), io ho utilizzato la ricetta di Morena è favolosa e spiegata alla perfezione, è impossibile sbagliare, per il burro io utilizzo sia il Corman che il Vipiteno, hanno un gusto morbido e vellutato.
Per questa ricetta servono circa 600gr di pasta sfoglia, l'altra la potete tranquillamente congelare tagliata a panetti di 600gr l'uno; stendetela in rettangoli di 40x30 bucherellatela e cospargetela di zucchero semolato, cuocetela a 200° per circa 15' facendo attenzione a che non brunisca troppo, toglietela dal forno e spennellatela con burro di cacao fuso o zucchero a velo, questa operazione serve ad impermeabilizzare la sfoglia ed a renderla croccante. Cuocete tutte e tre le sfoglie e tenetele da parte coperte con pellicola trasparente ( potete fare questa operazione anche il giorno pirma).
Adesso preparate la crema pasticcera: mettete a scaldare il latte con la panna ed il baccello di vaniglia, a parte sbattete le uova con lo zucchero e la farina, appena il latte spicca il bollore rovesciatelo nella ciotola con le uova filtrandolo con un passino. Rimettete la crema sul fuoco dolce mescolando di continuo, si addenserà un un attimo, copritela con pellicola trastarente e lasciatela raffreddare.
Adesso preparate la mousse alla crema di nocciole: montate la panna con il mascarpone e a parte scaldate leggermente la crema alle nocciole al microonde solo per renderla più morbida, incorporatevi delicatamente il composto di mascarpone e tenete da parte.
E ora viene il bello, il montaggio:
mettete una cucchiaiata di crema sul vassoio di servizio ed appoggiateci la prima sfoglia premendo leggermente così aderirà per bene, questa operazione serve a far sì che il dolce non si muova durante il montaggio. Cospargete con abbondante crema pasticcera e livellate bene, adagiate adesso la seconda sfoglia e coprite con la mousse alla crema di nocciole premete leggermente e livellate l'eccesso di crema che potrà uscire dai lati. Montate la panna, usatene la metà per coprire il dolce, livellatelo bene con una spatola a gomito, e usate l'altra metà per decorare il dolce adoperando un sac-à-poche. Preparatevi adesso un conetto di carta da forno, colateci un po' di cioccolato fuso e decorate il millefoglie e vostro piacere!


Uff... ce l'ho fatta, che sudata!
Spero di essere stata abbastanza chiara ed esauriente, comunque è più semplice da fare che da spiegare.
Quindi Buon Lavoro
Deborah

7 commenti:

  1. Debora, la torta è bellissima, ma soprattutto sono affascinata dalla perfezione della tua pasta sfoglia!! Quei panetti lì parlano, complimenti, sei molto brava!

    RispondiElimina
  2. Giulia bella mia! Si devo dire che la ricetta di Morena è imbattibile, la pasta sfoglia "sfoglia" proprio tanto, ed è buonissima.
    Brava io.... ma quando mai;)!

    RispondiElimina
  3. ciao ho trovato il tuo blog per caso mi piace molto t ho aggiunta al mio un bacio terry

    RispondiElimina
  4. Chissà com'era contento il festeggiato per aver ricevuto questo millefoglie...si capisce quanto ci tieni, è così curato e perfetto! bravissima!

    RispondiElimina
  5. Claudia ti ringrazio per il complimento sulla perfezione, mi fa piacere perchè invece mio marito (e non solo lui) ha trovato questo dolce brutto (ma buonissimo)e datato. Lui è un sostenitore dei dolci belli, quelli da vetrina di pasticceria che attirano il cliente perchè appagano la vista ( come le bellissime borsette di pasta di zucchero che adesso vanno tanto di moda!) ma poi quando li mangi sanno solo di... zucchero! Io continuo imperterrita a fare i dolci più buoni possibile anche se non sono proprio belli all'occhio, sarò anche vecchia e datata ma vedo che quando cucino nei piatti dei miei ospiti non ci restano neanche le briciole!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  6. I miei complimenti sono principalmente per la tua volontà,che io non ho mai messo, per preparare la pasta sfoglia...Complimenti e hai visto come siamo in simbiosi tu impasti io cucino!!!!Sono dei tuoi e vado a segnarmi, ciao Daniela.

    RispondiElimina
  7. Ciao Daniela e benvenuta a bordo! Ma dì la verità, è una valvola di sfogo la cucina? Io quando sono arrabbiata o giù di morale metto subito le mani in pasta accendo forno e fornelli e ne esce sempre una golosità, poi però i pantaloni...:)
    A presto, vengo a vederti!

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: