giovedì 14 aprile 2011

Gnocchi alla romana fatti da una Toscana (Simonetta)

Ed eccoci di nuovo qui per il Contest di Menù Turistico con questi gnocchi alla Romana che i romani non riconoscono ..... per la loro tradizione.

La mia ricetta per gli gnocchi è questa:

1 lt latte
250 gr semolino
sale
brodo di verdure
2 uova
30 grammi burro
50 grammi parmigiano grattugiato.

Mettere in una pentola il latte, il sale ed un po' di brodo vegetale per insaporire, quando il composto spica il bollore mettere il semolino, lavorare con una frusta come per fare una polenta. Non appena il composto si stacca dalla pentola togliere dal fuoco, aspettare che si raffreddi ed aggiungere il burro, un uovo alla volta, e poi il parmigiano. Nel frattempo avrete già preparato un ragù fatto con:

200 gr carne macinata
una carota
una cipolla
uno spicchio di aglio
un po' di prezzemolo
mezza bottiglia di passata di pomodoro
sale e pepe q.b.

Stendere su un piano di lavoro unto di olio di semi la polentina ormai fredda, prendere un tovagliolo bagnarlo strizzarlo, metterlo sopra il composto e stenderlo, come vedete nella foto.

Con un taglia pasta tagliare tanti dischetti fare un incavo nel centro e poi friggerli.
Imburrare una pirofila adagiarvi le "scodelline" e nel centro con un cucchiaino mettere il ragù ed una spolverata di parmigiano. A questo punto infornarli a forno caldissimo per 15 minuti.

Il risultato è ottimo sono belli da vedere e deliziosi da mangiare
Li potete servire anche in pirottini individuali o metterli in un vassoio e servirli come piccoli finger food.


Con questa ricetta partecipo all'Emmetì della Ale

Ciao Simonetta.

8 commenti:

  1. Buonissimi i tuoi gnocchi! MI PIACCIONO!
    Se ti va, puoi partecipare al mio contest "150 anni in tavola" si partecipa con ricette tipiche regionali. Ti aspetto! http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/03/contest-150-anni-in-tavola.html

    RispondiElimina
  2. gnam, che buoniiiii! gli gnocchi alla romana non li ho mai fritti, ma mi sembra un'ottima idea, proprio... da toscana!
    bacioni

    RispondiElimina
  3. anche se non li riconosco vorrei proprio fare la loro conoscenza!!!
    Brave come sempre!
    mariangela

    RispondiElimina
  4. Ah però, interessante reinterpretazione!

    RispondiElimina
  5. grazie per i complimenti ,vi confesso che erano proprio buoni .
    Ciao arabafelice e grazie per aver proposto questi gnocchi .

    RispondiElimina
  6. arrivo-arrivo- arrivo: 24 ore senza pc, un mezzo incubo! questi, però, ero riuscita a vederli già ieri sera (un attimo prima del virus), ma non ero riuscita a leggere.Per cui, oggi mi arrovellavo sul come fossi riuscita a farli così: ecchecaspita, li hai fritti! Non riesco nemmeno ad immaginare quanti ne mangerei, uno dietro l'altro...
    Al solito, grandissima!
    ciao e grazie
    ale

    RispondiElimina
  7. Ale una grandissima detta da te mi fa molto piacere. baci

    RispondiElimina
  8. Sono toscana anche io e mi aveva incuriosito il titolo della tua ricetta! Da toscana a toscana, ti faccio i miei coplimenti per l'interpretazione supergustosa...mmmm fritti e pasticciati in forno col ragù....Brava davvero!
    Se ti va ti invito al mio primo contest:
    http://mammainpentola.blogspot.com/2011/04/fantasieper-il-mio-primo-contest.html
    Un bacione da Firenze
    Claudia

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: