mercoledì 26 ottobre 2011

E' ARRIVATA LA PIOGGIA...( DEBORAH )



...ed è arrivata tutta insieme Santa Cleopatra! Ci fa scontare la bellissima estate che abbiamo avuto e che è durata fino a due giorni fa, così mi son ritrovata sola con un sacco di tempo libero per pulire la casa ( e quando mai !), stirare ( stira la mia nonna! ), fare un po' di movimento ( con le mandibole;) ) ed impastare, questo si che lo faccio! Allora mi son ricordata di una briochina morbida e profumata che facevo l'anno scorso la cui lavorazione era breve e mi garbava anche per quello, sia chiaro non che io sia una sfaticata eh, perchè anche a cose normali impasto un giorno e mezzo per avere le meravigliose brioches di Paoletta  e a Natale sto sveglia anche tutta la notte per sorvegliare la lievitazione di panettoni e pandori, ma queste treccine mi intrigano perchè si fanno in poco meno di un pomeriggio e la mattina dopo sono ancora più buone, soprattutto se leggermente riscaldate in modo da ridar vita al burro che hanno al loro interno .
La ricetta l'ho trovata qui non è certo farina del mio sacco perchè se c'è una cosa che so far bene è ricopiare ( ad inventare ci pensa già la Simo...), oggi ve le voglio riproporre.

Treccine zuccherate di " Croce e Delizia"

Ingredienti:

Per l’impasto
500 g farina ( 350 gr 00, 150 gr manitoba )
50 g zucchero
scorza grattugiata di un’arancia ( io ho messo anche i semini di una bacca di vaniglia )
1 uovo
75 g burro
275 ml latte tiepido
20 g lievito di birra
pizzico di sale

Per rifinire
50 g burro morbido ( io 70gr )
50 g zucchero ( io 70 gr )
1 uovo

Per lucidare
3 c.ai di acqua
2 c.ai di zucchero

zucchero semolato per decorare

Procedimento:

Nella ciotola dell'impastatrice versare la farina setacciata e porre al centro il lievito scaldato in un po' di latte, lo zucchero, il burro sciolto ma tiepido, l'uovo e gli aromi, avviare l'impastatrice col gancio ad uncino a vel 1,5-2 ed impastare aggiungendo mano a mano il latte ed il pizzico di sale. Aumentare la velocità fino a 4 ed incordare bene, quando l'impasto risulterà liscio lucido e bello compatto ( si dovrà staccare dalle pareti della ciotola e rimanere attaccato al gancio in un unica palla ) staccarlo e porlo in una ciotola unta di burro ( Antonella dice di infarinarla ma io qui non l'ho ricopiata, mi sembrava meglio imburrare...) coprire con pellicola e porre a lievitare per 1 ora a 30 gradi, o per lo meno fino al raddoppio.
Nel frattempo si potrebbe fare un po' di cyclette, ma chi ce lo fa fare via!
Piuttosto si guarda Nigella alle prese con la ciccolata mentre montiamo il burro a crema con lo zucchero che sarà la farcia delle nostre treccine.
Riprendere l'impasto e stenderlo in un rettangolo di cm 48 x 34, tagliarlo in 3 rettangoli di cm 34 x 16, spalmare sul primo rettangolo un po' di crema al burro, sovrapporre un altro rettangolo di pasta spalmarvi sopra la rimanente crema e chiudere con l'ultimo rettangolo di pasta. Col mattarello pressare un po' il lungo rettangolo ottenuto e ragliare delle strisce di cm 3 x 8, attorcigliarle su se stesse e rimetterle a lievitare fino al raddoppio. Scaldare il forno a 180° statico, spennellare le treccine con l'uovo ed infornarle per 10'-12', comunque tenetele d'occhio e come dico sempre appena sentite il profumo son pronte. Nel frattempo scaldate 3 cucchiai d'acqua con 2 cucchiai di zucchero e spennellate le treccine appena sfornate con lo sciroppo ottenuto, spolverizzate di zucchero semolato e...buona colazione!


Alla prossima

Baci Deborah

8 commenti:

  1. Bentornataaaaaaaaaaaaaaa......si è sentita la tua mancanza...bene allora ...visto che ora hai tempo libero...dai sfogo alle ricette e riprendi con i contest.... e sono lieta di comunicarti che il mio MArgherio che credevo morto è resuscitato... evvai che faccio i panettoni!!!! bacionissimi a te e Fil, un abbraccio, Flavia

    RispondiElimina
  2. Bravaaaaa, il mio invece è morto da quel dì, la Simo me l'ha ricomprato secco, tanto non ce nulla da fare, non ho voglia di rinfrescare uffa!
    Contest? Cosa essere contest?....Arrivooooo!!!!!

    RispondiElimina
  3. semplicemente meravigliose,complimenti!!!!!!:))

    RispondiElimina
  4. Elisabetta che piacere leggerti! Sono passata da te e mi sono innamorata dei tuoi pani, li vorrei sperimentare ma il mio lievito naturale è defunto. Ho del lievito naturale secco ma non so in che percentuale lo devo utilizzare, mi dai qualche dritta?
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Mmmmmm che bontà!! Queste treccine sono favolose! :D

    Un bacione , ~ Kimberly.
    Buon Weekend ♥

    RispondiElimina
  6. Ciao Kimberly, grazie per la visita, sono passata da te e mi sono innamorata dei biscotti Oreo...Favolosi!
    A presto ;)

    RispondiElimina
  7. Ma che delizia queste treccine briochose!! In questi giorni le provo!!
    Vuoi un po' di Lievito Madre, Deb? Dai, vienimi a trovare...il mio l'ho resuscitato :D
    Un abbraccio
    patrizia

    RispondiElimina
  8. Paaaaat!!!!!!!!! Tesoro mio certo che voglio il Lievito Madre! Il mio è defunto! Vengo a Genova appena posso così ti porto il pesto fatto col tuo basilico:)!
    Bacioni

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: