lunedì 20 febbraio 2012

ODDIO CHE PIZZA!!!!!!!!! ( Deborah )

Mamma mia che pizza! Sabato sera Filippo ha dato il meglio di sé, io gli avevo solo chiesto di darmi una mano nella stesura delle pizze per tutta la famiglia, ma quando ha avuto il mattarello in mano sembrava Picasso col pennello: ha iniziato a chiedere la farina gialla perché così la pizza viene più croccante, poi le forbici che io credevo usasse per tagliare il bordo in eccesso, poi il pennello, alla fine ho smesso di lavare i piatti e mi son messa a guardarlo.... Il mattarello l'ha rimesso a posto perché ha detto che la pasta era talmente bella che si spianava da sé, e qui mia mamma ha fatto una porca figura perché la pasta era merito suo!!! Io stavolta ho veramente solo mangiato e molto bene direi, me la sono gustata 'sta pizza perché domani parto per gli States e allora mi son chiesta: ma io in 15 giorni la ritroverò una pizza così? Sicuramente il cibo sarà l'ultimo dei miei pensieri.... Ma veniamo alla ricetta:

Per la pasta mia mamma usa la ricetta classica che Simonetta le ha insegnato 14 anni fa e non l'ha più modificata, ha fatto proprio bene è un impasto che non tradisce mai le aspettative:

kg 1 di farina 00 ( Spadoni, Chiavazza o Conad )
ml 500-600 di acqua tiepida
gr 25 di lievito di birra
un pizzico di sale
un cucchiaio d'olio

Per la farcitura mettete quello che più vi piace, qui Filippo è stato “leggerino” ed ha messo mozzarella e salsiccia nel bordo e margherita con salsiccia gorgonzola e cipolle sulla base.....tanto c'era la finale di Sanremo ed il tempo per digerire ce l'avevamo tutto tutto!

Sciogliete il ldb in poca acqua tiepida ed aggiungete poco a poco farina ed acqua, a metà impasto mettete sale ed olio e continuate ad impastare fino a raggiungere una consistenza “appiccicaticcia” lo so che il termine è coniato per l'occasione ma almeno rende bene l'idea. L'impasto non deve per nessun motivo essere bello sodo e compatto pena la fragranza e la sofficità della pizza.
Fate lievitare l'impasto nella sua ciotola in frigo coperto con un canovaccio umido per circa 4/5 ore, 2 ore prima togliete dal frigo e formate le palline adatte alle vostre teglie, lasciatele sul piano di lavoro infarinato scoperte.

Accendete il forno a 200°, prendete una pallina schiacciatela col palmo della mano mentre la fate ruotare sul piano di lavoro ben infarinato di farina gialla, questa operazione ve la farà spianare in 2 minuti senza mattarello, allargatela per bene e ponetela nella teglia unta di olio evo e lasciatela debordare come in foto. Se non vi riesce spianarla tanto date qualche colpo di mattarello.  

Praticate dei tagli di 6-7 cm sul bordo, farcitelo a piacere, mi raccomando NON usate ingredienti umidi che possano forare il bordo tipo formaggi cremosi, pesto alla Genovese ecc.., meglio mozzarella ed un salume. 

Richiudete bene il bordo e premete per non far fuoriuscire il ripieno così:

Farcite a piacimento la pizza mettendo un po' di pomodoro anche sul bordo ripieno, sentirete che goduria, sarà come magiare un piccolo calzone!!! Infornate a 200° per circa 15'-20' a seconda del vostro forno e gustatela bella calda! 

Buon appetito, adesso scappo a fare le valige!!!

Bye bye Deborah

1 commento:

  1. Accidenti Debbie, in famiglia ci sapete proprio fare tutti!!! Hai fatto benissimo a fotografare passo passo la ricetta, cosi' ho capito anch'io che sono di coccio!!!
    La prossima pizza la preparo cosi' proprio come voi!!!
    Fai buon viaggio e divertiti negli States, fai tantissime foto, mi piacerebbe viaggiare virtualmente con te.
    Un abbraccione.
    Diana

    RispondiElimina

gli impastatori dicono: